BATH ON THE RIVER – Storie e Politiche dal territorio di Bagno a Ripoli

Toggle Bar

Le scuole medie di Bagno a Ripoli dopo la nuova legge sull'obbligo scolastico (1966)

Correva l'anno 1966. Un rotocalco dell'Istituto Luce racconta la situazione delle scuole medie di Bagno a Ripoli a tre anni dalla riforma del 1963, che istituì la scuola media unica. Con l'abolizione delle scuole di Avviamento al lavoro si portò nei fatti l'obbligo scolastico ai 14 anni.

Prima di allora era infatti bassissima a Bagno a Ripoli la frequenza scolastica tra gli 11 e i 15 anni, con 62 allievi che frequentavano una scuola comunale di Avviamento professionale di tipo agrario, e non più di una cinquantina che si recavano con mezzi propri a Firenze.

Fondamentale anche l'istituzione del servizio di trasporto scolastico, per convogliare nelle due scuole medie tutti i bambini del territorio comunale.

Dopo la descrizione delle due sedi "di fortuna", di cui una "reperita in una casa privata nel centro di Bagno a Ripoli", il rotocalco annuncia la prossima inaugurazione di una nuova scuola, ma con un amaro finale: "Non dimentichiamo che se n'era cominciato a parlare nel 1954…"

___
"Le scuole medie di Bagno a Ripoli dopo la nuova legge sull'obbligo scolastico". 7G Rotocalco Cinematografico, Scuola media anno uno, 28/11/1966.

La Newsletter

 

 

Oldies but Goldies

  • Vallina, quali alternative al viadotto?

    Ferrovia metropolitana

    Una metropolitana di superficie tra Firenze e Pontassieve (e oltre). Per risolvere i problemi di mobilità lungo la valle dell'Arno non serve un viadotto.

    Read more...
  • Mondeggi è illegale

    Mondeggi Bene Comune

    Mondeggi Bene Comune è illegale, come Marco Cappato, che ha aiutato Dj Fabo a scegliere come morire; come Rosa Parks, afroamericana, che rifiutò di cedere il posto in autobus riservato ai bianchi; come Henry David Thoreau, che alla metà dell’800 si rifiutò di pagare le tasse legate alla guerra contro il Messico, teorizzando per la prima volta la “disobbedienza civile”.

    Read more...
  • Salviamo l'antica via del Monasteraccio (e la viabilità storica del territorio)

    via monasteraccioQuasi universalmente un'antica pieve o un centro storico medievale vengono considerati beni culturali da proteggere. Ma gli edifici non sono i soli testimoni del passato; anche strade, selciati, ponti in pietra o il disegno dell'intera viabilità ci svelano aspetti legati alla vita e alla cultura dei nostri antenati.

    Read more...

Politiche