BATH ON THE RIVER – Storie e Politiche dal territorio di Bagno a Ripoli

Toggle Bar

Luigi Torrigiani (1823-1905). A centodieci anni dalla morte

Durante la sua lunga permanenza a Bagno a Ripoli come segretario comunale, Luigi Torrigiani conobbe molto bene il territorio, la gente e le attività che ogni giorno vi si svolgevano. Intraprese così una colossale opera di descrizione del comune “nei suoi tre aspetti civile, religioso e topografico”.

Luigi TorrigianiLuigi Torrigiani (1823-1905). A fianco una pagina del suo manoscritto, spesso corredato da foto e cartoline d'epoca.

Nato a Borgo a Buggiano il 19 febbraio 1823, Luigi Torrigiani fu notaio e per oltre mezzo secolo segretario comunale a Bagno a Ripoli. Delle sue origini, comunque umili, si sa poco. Bisnonno oste, nonna esercente di bettola, padre vetturale, zio valigiaio. Quando nel 1845 arrivò come attuario volontario presso la cancelleria del Galluzzo venne definito «chierico», il che induce a pensare che abbia studiato in seminario, come il fratello maggiore, che fu canonico.

I primi anni di apprendistato, spesso non retribuito, fecero emergere le sue qualità e nel 1850 assunse l’incarico di segretario provvisorio delle comunità del Bagno a Ripoli e di Casellina e Torri, l’odierno comune di Scandicci. Con l’Unità d’Italia il Torrigiani lasciò Casellina e Torri per dedicarsi esclusivamente a Bagno a Ripoli. Lo fece con passione e competenza, elaborando la modulistica, curando l’organizzazione dei diversi aspetti dell’amministrazione comunale, incluso un regolamento per la tenuta dell’archivio che per molti costituì un esempio. Un vero studioso di tecnica amministrativa, un ambito che in quegli anni era tutto da scoprire, e al quale contribuì con alcune apprezzate pubblicazioni.

Nella sua lunga permanenza ripolese, il Torrigiani, non si limitò ai compiti burocratici. Fu storico appassionato e attento cronista degli anni del suo tempo. I suoi corposi appunti sono raccolti in ventuno volumi manoscritti, dal titolo Il Comune del Bagno a Ripoli, nei suoi tre aspetti Civile, Religioso, Topografico, oggi conservati presso la Biblioteca Moreniana di Firenze. Alcuni di questi volumi furono editi a cura dell’autore nei primi del Novecento. Tre di questi erano inerenti la prima parte (Ricordi Storici e Monumenti Civili) e due la seconda (Monumenti e Ricordi Religiosi). Per iniziativa del Comune di Bagno a Ripoli, è in corso l’edizione di altri volumi, tutti inerenti la parte Civile. Nel 1904 una malattia lo costrinse alle dimissioni, che il Comune accettò conferendogli il titolo di segretario onorario. Dopo pochi mesi, il 3 marzo 1905, morì a Firenze, nella sua casa in via de’ Serragli.

Una figura alla quale i numerosi storici e ricercatori che si occupano del territorio ripolese debbono molto. Sarebbe auspicabile che gli venisse intitolata una via, o forse anche meglio la Biblioteca Comunale.

Michele Turchi

Politiche

Facebook