BATH ON THE RIVER – Storie e Politiche dal territorio di Bagno a Ripoli

Toggle Bar

Antella: un nome etrusco?

Le tante ipotesi sulle origini del nome "Antella", raccontate da Michele Turchi. Il nome di una persona etrusca; il riferimento al borro dell'Antella o alla posizione della Pieve rispetto ad un più antico edificio sacro... A ciascuno la libertà di scegliere la più credibile o la più suggestiva.

ANTELLA piazza Peruzzi

Le ipotesi sulle origini del toponimo Antella sono varie e tuttora dibattute. La pieve di Santa Maria si trova attestata in data 4 novembre 1040 come «Santae Marie sito Untinula», denominazione confermata in un altro documento del 21 maggio 1048. Nel gennaio 1085 un atto notarile rogato a Gamberaia rammenta la pieve come Santa Maria Antinlla, una forma già simile all’attuale; il 13 settembre 1145 la pieve è invece citata come Santa Maria in Tinule. Dai primi anni del XIII secolo, nei documenti comincerà a stabilizzarsi la forma attuale.

L’ipotesi più credibile è quella formulata da Silvio Pieri che, facendo riferimento ai documenti sopra citati, assegna il toponimo ai nomi locali (uscenti per lo più in –na) derivati da nomi etruschi di persona. Propone una forma Ant?na, derivata dall’etrusco Antinal, Antni, in seguito latinizzato in Antenius. Sottolinea poi che «da scambio con la prep. in si ripeterà, naturalmente, l’alterazione transitoria dell’a iniziale».

ANTELLA dragoPieve di Santa Maria all'Antella. Formella in marmo rettangolare con scolpito un drago a bassorilievo, riferibile all'ambito lombardo della seconda metà del XII secolo.

In un opuscoletto del 1924 don Ubaldo Pancani, facendo riferimento alla forma Incinula, formulava l’ipotesi di una derivazione del toponimo dalla parola latina incile, con il senso di fosso o canale. In questo caso suggeriva un riferimento al corso del borro dell’Antella o Isone, stretto e incuneato tra i poggi a monte del paese e della pieve stessa. Poco oltre formula una seconda ipotesi, riferita al fatto che la pieve attuale sia stata costruita davanti a un più antico e modesto edificio, l’attuale sagrestia, che ne sarebbe stato il nucleo originario. In questa maniera, la pieve sarebbe sorta ante illam, con il senso «davanti a quella».

Michele Turchi

 

_____
Documentazione

Silvano Guerrini, La parrocchia di Santa Maria all’Antella, in: La terra benedetta. Religiosità e tradizioni dell’antico territorio di Ripoli, 1984, p. 202.

Silvio Pieri, Toponomastica della Valle dell’Arno, Roma, 1919, p. 19.

Ubaldo Pancani, Le origini dell’Antella a la sua storia, in L’Antella e la sua pieve, Antella, 1924, pp. 5-7.

Politiche

Facebook