BATH ON THE RIVER – Storie e Politiche dal territorio di Bagno a Ripoli

Toggle Bar

A cosa servono i Comuni oggi

Cosa sono diventati oggi i Comuni, dopo tante liberalizzazioni? Quale ruolo svolgono in termini di servizi per la collettività? Perché si appaltano tanti servizi ad aziende private esterne? 

Una petizione al Governatore della Toscana Enrico Rossi perché ascolti le obiezioni espresse dalla Soprintendenza, e la presentazione di Osservazioni al procedimento di Valutazione di Impatto Ambientale sono le prime azioni messe in campo per cambiare il progetto del viadotto e salvare la valle dell’Arno.

"Un atto di fiducia per questa Amministrazione”. Così il gruppo guidato da Beatrice Bensi ha definito la propria astensione in Consiglio comunale durante l’approvazione del Nuovo Regolamento Urbanistico, spiegando nel dettaglio i punti critici.

Dal 2009 la comunità evangelica "itinerante" Cristo è la Risposta occupa una vasta area di Ponte a Niccheri. Non paga nessun canone perché è una associazione Onlus. Ma le risposte della Giunta non hanno convinto il gruppo di Cittadinanza Attiva: "In Italia niente è più stabile del provvisorio".

Sembra un circo ma è una parachiesa, che si definisce itinerante. Si dovrebbe fermare infatti per alcuni mesi nei luoghi prescelti in cerca di nuovi adepti. Ma è ferma a Bagno a Ripoli da tanti anni. Il gruppo Per Una Cittadinanza Attiva presenterà in Consiglio Comunale una interrogazione per capire i motivi e gli accordi alla base di tale scelta.

Si è chiusa con due documenti, al Ministero e al Comune di Bagno a Ripoli, l'assemblea pubblica sulla terza corsia autostradale da Fi-Sud a Incisa, indetta dal gruppo di Cittadinanza Attiva. Due documenti per conoscere lo stato dell’arte del progetto esecutivo, oramai fermo da oltre un anno, e per chiedere una moratoria ai lavori, visto il drastico calo del traffico automobilistico.

Mondeggi, l'ultima asta

Mondeggi è di nuovo in vendita, l'azienda agricola e i terreni agricoli circostanti. La novità è che stavolta la Provincia fa sul serio, e il prezzo è sceso.

Il rave di Capannuccia di inizio novembre (2014), oltre alle polemiche per la situazione di forte disagio che i cittadini hanno vissuto, ha lasciato sul campo la realtà di una fabbrica dismessa in mezzo ad un paese, facilmente accessibile, con strutture contenenti amianto e materiali di risulta di vecchie produzioni. È ora che, per il bene dei cittadini, le soluzioni arrivino.