BATH ON THE RIVER – Storie e Politiche dal territorio di Bagno a Ripoli

Toggle Bar

A comprare Mondeggi all’asta

Nuovo anno, stesso copione: un’asta per vendere Mondeggi (tenuta e villa insieme). Cambia solo la base d’asta, scesa a 9 milioni e mezzo: praticamente la villa è in regalo rispetto alla stima del 2014. 
I beni comuni sono ormai declassati a merce da fiera: un’asta per Mondeggi, una per la colonica La Cortaccia, un’altra per le Gualchiere di Remole... a quando un’asta per l’Arno? Già venduto il panorama? 
Siccome davanti a tanta insipienza non sappiamo più cosa dire, abbiamo lasciato la parola a Gianni Rodari.

Mondeggi rodari 900

Al mercato di Gavirate capitano certi ometti che vendono di tutto, e più bravi di loro a vendere non si sa dove andarli a trovare.
Un venerdì capitò un ometto che vendeva strane cose: il Monte Bianco, l’Oceano Indiano, i mari della Luna, e aveva una magnifica parlantina, e dopo un’ora gli era rimasta solo la città di Stoccolma.
La comprò un barbiere, in cambio di un taglio di capelli con frizione. Il barbiere inchiodò tra due specchi il certificato che diceva: Proprietario della città di Stoccolma, e lo mostrava orgoglioso ai clienti, rispondendo a tutte le loro domande.

– “E’ una città della Svezia, anzi è la capitale”.
– “Ha quasi un milione di abitanti, e naturalmente sono tutti miei”.
– “C’è anche il mare, si capisce, ma non so chi sia il proprietario”.

Il barbiere, un poco alla volta, mise da parte i soldi, e l’anno scorso andò in Svezia a visitare la sua proprietà. La città di Stoccolma gli parve meravigliosa, e gli svedesi gentilissimi. Loro non capivano una parola di quello che diceva lui, e lui non capiva mezza parola di quello che gli rispondevano.

– “Sono il padrone della città, lo sapete o no? Ve l’hanno fatto, il comunicato?”.

Gli svedesi sorridevano e dicevano di sí, perché non capivano ma erano gentili, e il barbiere si fregava le mani tutto contento:

– “Una città simile per un taglio di capelli e una frizione! L’ho proprio pagata a buon mercato”.

E invece si sbagliava, e l’aveva pagata troppo. Perché ogni bambino che viene in questo mondo, il mondo intero è tutto suo, e non deve pagarlo neanche un soldo, deve soltanto rimboccarsi le maniche, perché [Mondeggi] sia suo.

Gianni Rodari

 

_____
Gianni Rodari, “A comprare la città di Stoccolma”, Favole al telefono, Einaudi , Torino 1962.

Lascia un commento

La Newsletter

 

 

Oldies but Goldies

  • Le nostre scuole sono pronte ad affrontare un terremoto?

    sismaCosa potrebbe accadere se Bagno a Ripoli fosse interessata da un sisma simile a quello che ha colpito Amatrice e le zone circostanti? Le nostre scuole sono adeguate? Le verifiche sismiche sono state fatte? I piani di evacuazione sono aggiornati?

    Read more...
  • La partita di Mondeggi

    beni comuni

    Schizofrenia PD: mentre la Città Metropolitana considera l’esperienza di Mondeggi Bene Comune solo un problema di legalità, e procede a testa bassa verso l’alienazione, la Regione Toscana inserisce nel proprio Statuto la tutela e valorizzazione dei beni comuni...

    Read more...
  • Il Pian di Ripoli tra sviluppo e bellezza

    Cabreo del Podere di Ripoli«Stimasi ricco chi possiede un podere in Pian di Ripoli». Il proverbio citato dal Torrigiani in relazione alla produttività agricola di quei terreni è ancora oggi valido, ahimè, per il valore fondiario legato ad una loro possibile edificabilità. E l’arrivo della tramvia a Bagno a Ripoli non potrà che aumentare la pressione speculativa sull’area (comunque viva la tramvia).

    Read more...

Facebook