BATH ON THE RIVER – Storie e Politiche dal territorio di Bagno a Ripoli

Toggle Bar

A comprare Mondeggi all’asta

Nuovo anno, stesso copione: un’asta per vendere Mondeggi (tenuta e villa insieme). Cambia solo la base d’asta, scesa a 9 milioni e mezzo: praticamente la villa è in regalo rispetto alla stima del 2014. 
I beni comuni sono ormai declassati a merce da fiera: un’asta per Mondeggi, una per la colonica La Cortaccia, un’altra per le Gualchiere di Remole... a quando un’asta per l’Arno? Già venduto il panorama? 
Siccome davanti a tanta insipienza non sappiamo più cosa dire, abbiamo lasciato la parola a Gianni Rodari.

Mondeggi rodari 900

Al mercato di Gavirate capitano certi ometti che vendono di tutto, e più bravi di loro a vendere non si sa dove andarli a trovare.
Un venerdì capitò un ometto che vendeva strane cose: il Monte Bianco, l’Oceano Indiano, i mari della Luna, e aveva una magnifica parlantina, e dopo un’ora gli era rimasta solo la città di Stoccolma.
La comprò un barbiere, in cambio di un taglio di capelli con frizione. Il barbiere inchiodò tra due specchi il certificato che diceva: Proprietario della città di Stoccolma, e lo mostrava orgoglioso ai clienti, rispondendo a tutte le loro domande.

– “E’ una città della Svezia, anzi è la capitale”.
– “Ha quasi un milione di abitanti, e naturalmente sono tutti miei”.
– “C’è anche il mare, si capisce, ma non so chi sia il proprietario”.

Il barbiere, un poco alla volta, mise da parte i soldi, e l’anno scorso andò in Svezia a visitare la sua proprietà. La città di Stoccolma gli parve meravigliosa, e gli svedesi gentilissimi. Loro non capivano una parola di quello che diceva lui, e lui non capiva mezza parola di quello che gli rispondevano.

– “Sono il padrone della città, lo sapete o no? Ve l’hanno fatto, il comunicato?”.

Gli svedesi sorridevano e dicevano di sí, perché non capivano ma erano gentili, e il barbiere si fregava le mani tutto contento:

– “Una città simile per un taglio di capelli e una frizione! L’ho proprio pagata a buon mercato”.

E invece si sbagliava, e l’aveva pagata troppo. Perché ogni bambino che viene in questo mondo, il mondo intero è tutto suo, e non deve pagarlo neanche un soldo, deve soltanto rimboccarsi le maniche, perché [Mondeggi] sia suo.

Gianni Rodari

 

_____
Gianni Rodari, “A comprare la città di Stoccolma”, Favole al telefono, Einaudi , Torino 1962.

Lascia un commento

La Newsletter

 

 

Oldies but Goldies

  • “Realizziamo il doppio ponte di Vallina”. Una lettera al Ministro

    Vallina doppio ponteTre Sindaci scrivono al vice Ministro Riccardo Nencini. Francesco Casini (Bagno a Ripoli), Monica Marini (Pontassieve) e Anna Ravoni (Fiesole) puntano l’attenzione sulla viabilità lungo l’Arno chiedendo investimenti per migliorare i collegamenti con la città di Firenze. 

    Read more...
  • Il casello incantato e il paradosso di Braess

    caselloNella logica di una rete autostradale che innerva le nostre città – con funzione di circonvallazione dei grandi centri più che di collegamento nelle grandi distanze – dopo la terza corsia fino ad Incisa arriva anche il doppio ponte di Vallina, per portare un “casello autostradale” nel comune di Fiesole.

    Read more...
  • Le buone pratiche delle mense scolastiche di Bagno a Ripoli, a Geo&Geo

    geo&geoUtilizzo di prodotti di filiera corta, offerta flessibile e varia, iniziative di educazione alimentare per studenti e genitori… Di questo ed altro hanno parlato su RaiTre, ospiti di Geo&Geo, Antonio Ciappi, direttore SIAF; Francesca Rocchi, Vicepresidente Slow Food Italia; e Annalisa Ciacci Taddei, genitore.

    Read more...

Facebook