BATH ON THE RIVER – Storie e Politiche dal territorio di Bagno a Ripoli

Toggle Bar

Rifiuti. Bagno a Ripoli e la scarsa propensione per la raccolta differenziata

I dati sulla raccolta differenziata a Bagno a Ripoli nel 2015 sono deludenti. Quali responsabilità ha Quadrifoglio, i cui interessi sembrano rivolti all’incenerimento piuttosto che al recupero?

rifiuti

+1,15%. E’ questa la crescita della raccolta differenziata a Bagno a Ripoli nel 2015 rispetto all’anno passato. I dati di Quadrifoglio dichiarano una raccolta di 7.581 tonnellate di rifiuti differenziabili rispetto ai 7.363 del 2014.

rifiuti

Una crescita esigua, a cui si accompagna anche un aumento generale nella produzione di rifiuti (+1,19%), segno che anche l’attenzione dei cittadini verso un acquisto critico (verso cioè prodotti con imballaggi ridotti) è molto bassa. L’aumento dei rifiuti non sembra infatti giustificato da una ripresa dei consumi.

rifiutiNon eccelliamo nella raccolta della carta (13,7%), con una media di 80 kg di carta raccolti per abitante (quando Calenzano, sicuramente forte anche di un’area industriale molto più ampia, ha una media di 380 kg/ab.). Ma anche i numeri del multimateriale non brillano: 60 kg/ab. contro i 140 di Tavarnelle... Forse un po’ meglio la raccolta della frazione organica, dove oltre agli scarti di cucina confluiscono sfalci e potature, e dove l’incidenza di un vasto territorio agricolo ha fatto la sua parte.

Nel suo insieme, la percentuale di raccolta differenziata a Bagno a Ripoli è al 59,8%, ancora lontana dall’obiettivo minimo di legge del 65% che doveva essere raggiunto entro il 2012. Il costo, oltre che per l’ambiente, è per le tasche dei cittadini che in bolletta pagano per lo smaltimento dei rifiuti non differenziabili. Così a Bagno a Ripoli paghiamo care le non-scelte dell’Amministrazione nelle politiche ambientali – quanto dobbiamo aspettare prima di aderire alla strategia Rifiuti Zero? – e la scarsa passione di Quadrifoglio per la raccolta differenziata a favore dell’incenerimento.

Quadrifoglio infatti – società a capitale completamente pubblico, i cui soci sono 12 comuni dell’area metropolitana fiorentina tra cui il Comune di Firenze con la quota di maggioranza dell’82% e il Comune di Bagno a Ripoli con la quota del 1,20% – è l’attore principale nella realizzazione dell’inceneritore di Case Passerini, progettato per bruciare 130 mila tonnellate di rifiuti l’anno. Tra questi non ci sarà solo la componente indifferenziata, ma potrà essere avviata a incenerimento anche parte della differenziata, compresa la frazione organica, secondo una logica che non è certo quella richiesta a gran voce da cittadini che, riuniti in comitati e associazioni, si stanno battendo da anni a favore delle alternative virtuose, come la strategia Rifiuti Zero.

Antonio Massi

Lascia un commento

La Newsletter

 

 

Oldies but Goldies

  • Che granchio! Il crostaceo guerriero resisterà ad Autostrade spa?

    potamon fluviatilePotamon fluviatile, una delle creature più affascinanti ancora presente nelle acque dell’Isone, è seriamente minacciato dal nuovo progetto di Autostrade SpA per la Terza Corsia A1. Il suo habitat sta infatti per essere sconvolto (e in parte cancellato) dal deposito delle terre di scavo.

    Read more...
  • Raccolta differenziata: cambiamo verso?

    RiiutiNel 2014 la raccolta differenziata nel comune di Bagno a Ripoli non è cresciuta. Siamo fermi al 58%, quando la normativa nazionale ci chiede da tempo di raggiungere il 65%, pena il pagamento di eco-sanzioni. È il momento di fare uno scarto nelle politiche ambientali del Comune. I buoni esempi cui ispirarsi non mancano.

    Read more...
  • È la Giornata Mondiale del Suolo. Ne parliamo con Sonia Redini

    Sonia RediniIl World Soil Day è stato indetto dalla FAO il 5 dicembre per ricordare l’importanza del suolo per la sopravvivenza del pianeta, a cominciare dalla lotta ai cambiamenti climatici. Ne abbiamo parlato con Sonia Redini, consigliera comunale di Cittadinanza Attiva.

    Read more...

Facebook