BATH ON THE RIVER – Storie e Politiche dal territorio di Bagno a Ripoli

Toggle Bar

Un bellissimo esempio di politica attiva dei cittadini

L’Assemblea di mercoledì 14 aprile 2016 ad Osteria Nuova sul progetto per la Terza Corsia A1 è stato un bellissimo esempio di politica attiva dei cittadini. Come il nostro gruppo professa da anni.

assemblea terza corsia Foto: Sergio Morozzi

Mercoledì sera ad Osteria Nuova (Bagno a Ripoli) si è tenuta una delle più appassionate e qualificate assemblee degli ultimi anni. Tantissime le persone, anche con una certa componente giovanile, che di questi tempi è veramente raro trovare intorno ad un argomento come quello del progetto di ampliamento della Terza Corsia autostradale.

L’amministrazione comunale ha organizzato l’incontro dietro espressa richiesta dei gruppi consiliari Per Una Cittadinanza Attiva e Movimento 5 Stelle. Erano presenti anche i tecnici della Società Autostrade per rispondere alle domande poste dalla popolazione.

Al centro del dibattito un progetto che riguarda il tratto che da Osteria Nuova va fino a San Donato in Collina. Prima dell’entrata in galleria il progetto prevede, nella vallata dove sorge il fiume Isone, una colata di un milione e duecentocinquantamila metri cubi di terre di scavo che copriranno una superficie di 24 ettari, destinata così a diventare pertinenza autostradale.

Presenti all’assemblea persone altamente qualificate, biologi, ambientalisti, architetti, professori universitari che hanno evidenziato quale sarebbe il danno se questo progetto andasse avanti.

Purtroppo, per una grave mancanza di informazione da parte dell’Amministrazione comunale, siamo giunti ormai alla conclusione dell’iter previsto per l’approvazione di un’opera pubblica di tale importanza, e adesso sarà molto più difficile ottenere dei cambiamenti. Ma è quello che si aspettano i cittadini intervenuti animatamente all’assemblea: che si eviti di tombare un fiume ed un territorio che morirebbero sotto le decine di metri di terre; che si eviti che una porzione del NOSTRO territorio, a prescindere da chi ne sia il formale proprietario, venga danneggiato in modo irreversibile; che le risorse naturali paesaggistiche ed ambientali che esso contiene non siano annullate. Adesso il Sindaco alla Conferenza dei Servizi prevista per il 22 p.v. dovrà recuperare con il suo diretto impegno il tempo finora perduto, perché è chiaro che se l’assemblea di mercoledì si fosse svolta quando il progetto è arrivato in Comune, la valutazione ambientale non avrebbe avuto un parere positivo.

Che sia proprio dalla difesa del proprio territorio che si possa ricominciare a fare politica? Una politica attiva, non quella che si consuma nelle addormentate assemblee a cui ci siamo rassegnati da anni. Quello di mercoledì sera è l’inizio, a nostro avviso, di una nuova stagione di politica attiva – come da anni professa il nostro Gruppo – fatta di cittadini che combattono per interessi collettivi. E il territorio è il primo di questi.

Beatrice Bensi
Per Una Cittadinanza Attiva – Bagno a Ripoli 

 

Lascia un commento

La Newsletter

 

 

Oldies but Goldies

Facebook