BATH ON THE RIVER – Storie e Politiche dal territorio di Bagno a Ripoli

Toggle Bar

Una palestra per la partecipazione politica

Oltre il 30% degli elettori non ha una rappresentanza nell'attuale Consiglio Comunale. Complice l'elevato astensionismo e i premi di maggioranza. Come si può riportare tanti cittadini a partecipare alla vita politica di Bagno a Ripoli? Una proposta semplice, una palestra politica che coinvolga, ad esempio, i tanti candidati non eletti.

palestraQuasi settemila elettori di Bagno a Ripoli non sono rappresentati in Consiglio Comunale. E’ uno dei risultati delle elezioni del 25 maggio scorso, ottenuto – con un calcolo senz’altro poco ortodosso – sommando l’astensionismo ai voti alle liste che non hanno raggiunto il quorum.

Ben 5785 elettori non hanno infatti partecipato al voto, sfiorando il 30% degli aventi diritto (27,79%).  
Fratelli d'Italia (309 voti), Federazione di sinistra (262), Partito Comunista dei lavoratori (121), Insieme per Bagno a Ripoli (353) sono invece le liste che non superando la soglia di sbarramento del 3% dei voti validi, non hanno espresso nessun Consigliere.

Il risultato è stato che 13 Consiglieri, sui 16 di cui è composto il Consiglio Comunale, sono espressione delle forze coalizzate con il PD, grazie ai 9895 voti ottenuti.

Le altre formazioni politiche all’opposizione hanno ottenuto: Forza Italia 1411 voti e un consigliere, M5S 1253 voti e un consigliere; Cittadinanza Attiva 900 voti e un consigliere.

Nell'attuale Consiglio Comunale dunque non ha voce oltre il 30% dei cittadini (6830 elettori, pari al 32,79%).

Questa condizione patologica mi induce ad una proposta, rivolta a tutti i cittadini e in particolare ai candidati delle liste escluse, perché non rimangano fuori dalla vita politica di Bagno a Ripoli: si potrebbe attivare un gruppo di lavoro che esamini gli o.d.g. del Consiglio, formuli opinioni, proposte e suggerimenti da affidare ai Consiglieri di opposizione eletti.

Potrebbe essere una buona palestra politica, capace di sviluppare un dibattito all'esterno del Consiglio stesso, superando anche la possibile monotonia del dibattito interno impoverito da una maggioranza troppo numerosa.

Dando vita e sostenendo l’attività politica fra i cittadini si creerebbero anche le condizioni per rianimare la passione civica e il senso di appartenenza alla comunità.

Essendo determinato nel tentare questa avventura, rivolgo l'invito ai candidati delle liste non presenti o non rappresentate in Consiglio Comunale per verificare, insieme, la disponibilità e la volontà politica ad iniziare questa nuova esperienza al servizio della nostra comunità.

La campagna elettorale è stata animata da ben undici liste con oltre 150 candidati, in vera controtendenza all’affievolirsi della passione politica e al distacco dei cittadini dai partiti. L'auspicio è di non disperdere queste passioni, perché l'impegno politico non si esaurisca in una campagna elettorale o in una presenza nella diretta gestione amministrativa, ma sia coltivato nella quotidianità dei rapporti della vita civile.

Vasco Tacconi
Lista civica "Cittadinanza Attiva per Bagno a Ripoli".  

Lascia un commento

La Newsletter

 

 

Oldies but Goldies

Facebook