BATH ON THE RIVER – Storie e Politiche dal territorio di Bagno a Ripoli

Toggle Bar

Grassina. Il viale dei Tigli o degli attaccapanni?

Il viale dei Tigli a nuova vita sta per essere restituito. Forse in previsione del viadotto che dovrà affiancarlo con la realizzazione della variante alla Chiantigiana, si è pensato di non farlo rimpiagere troppo ai grassinesi, cominciando a sciuparlo un po’. Così è partita, sotto l’egida della Città Metropolitana, una drastica potatura.

capitozzatura grassina

Ogni anno, quando arriva la stagione delle potature, si vedono per le strade delle città squadre di operai al lavoro sul verde pubblico. E cittadini perplessi di fronte a tagli assai radicali. Sicuramente per risparmiare, credendo anche di far bene alla pianta spingendola a produrre nuovi e giovani rami, la pratica mai messa in discussione dalle pubbliche amministrazioni è quella della capitozzatura, cioè del taglio di tutti i rami principali di un albero. Pratica inoltre che può essere messa in pratica senza particolari competenze: diradamento, taglio di ritorno, rimonda del secco richiedono operai specializzati.

Basta una veloce consultazione con qualche agronomo, o la lettura delle guide della Società Italiana di Arboricoltura, per scoprire però che la capitozzatura è dannosa per gli alberi. Infatti:

  • la ricostituzione della chioma tagliata richiede un grande dispendio di energia che rende la pianta più suscettibile agli insetti, alle malattie e a stress abiotici (inquinamento, carenza d’acqua, temperature elevate, insolazione…);
  • i rami generati dalle gemme avventizie, anche dette succhioni, sono molto lunghi e si caratterizzano per un’inserzione debole e superficiale dei tessuti. Tali rami hanno quindi una propensione maggiore alla rottura;
  • il taglio di sezioni di grosso diametro può causare inoltre la mancata o solo parziale cicatrizzazione della ferita di taglio favorendo ad esempio l’attacco di funghi cariogeni dei tessuti legnosi.

capitozzatura grassina Il Viale dei Tigli a Grassina, durante i lavori di potatura

Infine, senza bisogno di grandi competenze, è fuori dubbio che la capitozzatura renda gli alberi ornamentali assai brutti, distruggendo irrimediabilmente la loro forma naturale e lasciando, al posto di ramificazioni proporzionate e armoniose, orribili monconi. Buoni come attaccapanni...

Marco Bocci

Lascia un commento

La Newsletter

 

 

Oldies but Goldies

Facebook