BATH ON THE RIVER – Storie e Politiche dal territorio di Bagno a Ripoli

Toggle Bar

A ruzzolar le uova in Fattucchia

A Pasquetta era tradizione di andare sul Poggio di Fattucchia a far ruzzolare le uova colorate.

pasquetta

Valentino Ostermann fu il primo in Friuli ad occuparsi di folclore. Ne "La vita in Friuli" (1894) raccolse una documentazione straordinariamente interessante di usi e costumi tradizionali.

A proposito di giochi pasquali scriveva: «Altrove formano con due assi un piano inclinato e vi fanno ruzzolare due uova in modo che l'uno colpisca l'altro: l'uovo che nel cozzo si rompe è perduto. In altri paesi fanno ruzzolare le uova su un prato in declivio, e l'uovo che arriva primo fa vincere al giocatore quello dell'avversario».

Visto che tutto il mondo è paese, questo gioco l'abbiamo fatto tutti. E chi abitava, come me, a Grassina o nei dintorni, ricorderà che il lunedì di Pasqua si andava sul Poggio di Fattucchia a fare un bella scampagnata, magari in compagnia di un bel cesto di vimini con gli avanzi del pranzo del giorno prima. Poi, mentre i "vecchi" facevano il chilo, noi ragazzi si andava a "ruzzolare l'ova" nei prati scoscesi, quelle uova che pazientemente le nostre mamme avevano bollito, decorato, e fatto benedire.

Mia nonna diceva che le uova che le galline facevano il Venerdì Santo, se bevute crude, facessero sparire il mal di testa. Ma questa storia ve la racconto un'altra volta.

Lascia un commento

La Newsletter

 

 

Oldies but Goldies

Facebook