BATH ON THE RIVER – Storie e Politiche dal territorio di Bagno a Ripoli

Toggle Bar

Gualchiere di Remole: tessuti, moda e ricchezza a Firenze

Mercoledì 7 marzo 2018 una nuova iniziativa del “Gruppo Vie Nuove per le Gualchiere di Remole”, per provare a rilanciare l’interesse su questo splendido monumento da anni abbandonato a se stesso.

gualchiere tessuto 600

Le Gualchiere di Remole costituiscono una delle maggiori testimonianze di architettura paleoindustriale in Europa. L'imponente complesso industriale in abbandono oramai da oltre 30 anni con le sue torri merlate, la vicina pescaia, la casellina per la foderaia e la gora – è tuttora considerato l'unico esemplare, fra gli antichi opifici medievali dell'area fiorentina, ancora significativamente conservato, e che peraltro consente la straordinaria lettura del testo architettonico originario e delle trasformazioni successive. Si tratta di un insediamento che, per la molteplicità degli episodi spaziali e costruttivi che lo caratterizzano, costituisce tuttora una realtà suggestiva e unica.

E' con queste motivazioni che l'intero complesso trecentesco, oggi di proprietà del Comune di Firenze per quanto situato nel Comune di Bagno a Ripoli, nel 2013 è stato dichiarato dal Ministero di "interesse culturale". Al provvedimento che sottoponeva le Gualchiere a tutela dal punto di vista del diritto, non ha fatto seguito però un intervento sostanziale di recupero.

Oggi, andato deserto il bando per la vendita a privati pubblicato dal Comune di Firenze alla fine dello scorso mese di settembre, c'è seriamente da temere per lo stesso equilibrio statico del complesso. Il gruppo di lavoro nato presso il Circolo Vie Nuove ha così organizzato un nuovo incontro con la popolazione, le istituzioni e il mondo imprenditoriale fiorentino, che possa far tramontare l’era delle aste per le Gualchiere.

L’incontro, che si terrà al Circolo Vie Nuove alle 17:00, è stato organizzato grazie alla disponibilità del direttore della Galleria dell’Accademia di Firenze Cecile Hollberg, organizzatrice della bella mostra “Tessuto e Ricchezza di Firenze nel ‘300” aperta fino al 18 marzo. Parteciperà anche Leonardo Bassilichi, presidente della Camera di Commercio, al quale fu inviato in gennaio un appello mirato a trovare possibili soggetti del settore moda e affini interessati al recupero e riuso delle Gualchiere.

Occorre avere coscienza – scriveva il Gruppo Vie Nuove nell’appello – che la definitiva rovina delle Gualchiere di Remole non sarebbe solo una sconfitta per lo Stato e le istituzioni locali, ma per l'intera società civile dell'area metropolitana fiorentina, per il suo mondo imprenditoriale, la perdita di una straordinaria risorsa per lo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio. Per questo l'appello è rivolto a tutte le istituzioni economiche della nostra città, le associazioni degli imprenditori, la Camera di Commercio, invitandole a sollecitare e promuovere la nascita di progetti per la valorizzazione delle Gualchiere nel rispetto dei valori culturali e paesaggistici che esse esprimono.

_____
Mercoledì 7 marzo 2018, ore 17 - 19.
Circolo Vie Nuove, viale Giannotti 13, Firenze.

1 commento

  • Link al commento Tony Lunedì, 22 Ottobre 2018 19:13 inviato da Tony

    e speriamo che alla fine di tanti sforzi.. arrivi qualche buona notizia!!!

Lascia un commento

La Newsletter

 

 

Oldies but Goldies

  • 21 nuove case a Osteria Nuova. “Vantaggi solo per chi costruisce”

    via lazzeriLo sostiene il Comitato civico per la difesa del territorio di Osteria Nuova, in merito al nuovo Piano Attuativo che prevede la costruzione di 21 nuove villette in via Lazzeri ad Osteria Nuova. Il Comitato esprime perplessità sulla costruzione di nuove case, sull’ulteriore consumo di suolo, e sulla mancanza di reali vantaggi per la frazione, “abbandonata a sé stessa, oggetto solo di appetiti edificatori”.

    Read more...
  • Fast Fast Food. Cibo e agricoltura al tempo del coronavirus

    Fast Fast FoodCosa significa consumare suolo agricolo? Cosa comporta dipendere da altri Paesi per l’approvvigionamento alimentare? E nel caso, quali garanzie possiamo avere sulla qualità del cibo e sulla sua sostenibilità sociale e ambientale? E con quale sicurezza di fronte a cambiamenti climatici e virus pandemici?

    Read more...
  • Di Mondeggi, il bene comune, le aziende agricole. Una riflessione.

    Si va a MondeggiOccorre battersi affinché Mondeggi rimanga un bene della collettività, affidato dall’Ente che ne è proprietario (per conto dei cittadini) a gruppi spontanei di persone che però lo gestiscano nel pieno rispetto di ogni normativa, come qualsiasi altra azienda agricola.

    Read more...

Facebook