BATH ON THE RIVER – Storie e Politiche dal territorio di Bagno a Ripoli

Toggle Bar

Donare gli organi: una scelta in Comune

Presto sarà possibile anche a Bagno a Ripoli esprimere la propria volontà sulla donazione di organi e tessuti in occasione del rinnovo o rilascio della Carta di Identità. Una mozione presentata in Consiglio Comunale da Giulia Ulivi (PD) e Quirina Cantini (M5S), approvata all'unanimità, ha impegnato infatti Sindaco e Giunta ad aderire al progetto “Una scelta in Comune”, frutto di un accordo di collaborazione tra Regione Toscana, Anc-Federsanità, Aido (Associazione Italiana Donatori di Organi) e Centro Nazionale Trapianti.

una scelta in comune

L'iniziativa – già attuata con modalità simili in altre regioni d'Italia – intende non solo rendere più semplice e comodo per i cittadini l’espressione di volontà, ma anche stimolare l’attenzione su un tema così importante e delicato e fare emergere lo spirito di solidarietà e di generosità, troppo spesso inespresso.

È anche l’occasione per chiarire i dubbi relativi a concetti non semplici, come quello del prelievo a cuore battente e della morte accertata con criteri neurologici e smontare alcuni falsi pregiudizi. L’attività di prelievo ha infatti due capisaldi: la certezza della morte del donatore e il rispetto della volontà della persona.

In Italia non esiste il silenzio-assenso: se non vi è stata una esplicita manifestazione di volontà in vita, adeguatamente documentata (sia essa favorevole o contraria), la decisione sulla donazione dopo la morte è affidata ai familiari, in un momento particolarmente triste e drammatico, quando non è facile prendere decisioni delicate e condivise.

Anche per questo si devono registrare ancora molti casi di non consenso (“opposizione”) alla donazione, che rendono ovviamente impossibile il prelievo e quindi il trapianto: il tasso di opposizione in Toscana è stato nel 2013 del 24% e ciò ha comportato la mancata effettuazione di tanti trapianti.

Quando il servizio sarà attivo nel Comune di Bagno a Ripoli, al cittadino che si reca allo sportello dell’Anagrafe per il rilascio o rinnovo della Carta d'identità verrà chiesto di esprimersi in merito alla donazione degli organi, tramite la sottoscrizione di un modulo (di cui verrà rilasciata copia). Una seconda copia sarà invece conservata dall'ufficio e inviata al Sistema Informativo Trapianti.

Se il cittadino riterrà di non esprimere alcuna volontà (non accetta il modulo o non lo rende) non verrà ovviamente registrato nulla nel SIT, mentre il documento d’identità verrà rilasciato ugualmente (e nulla verrà trascritto sul documento, nel rispetto dell’attuale normativa).

In qualsiasi momento sarà possibile cambiare la propria decisione. 

Lascia un commento

La Newsletter

 

 

Oldies but Goldies

  • Migranti. Perché Bagno a Ripoli fa la sua parte, spiegato bene

    migranti nigeria“Siamo in presenza di un'emergenza umanitaria e sociale - ha dichiarato il Sindaco Francesco Casini -, per la quale anche i molti Comuni toscani che ancora non stanno provvedendo devono fare la loro parte per realizzare il 'modello toscano', secondo il quale i migranti devono essere distribuiti in piccoli nuclei e centri tra tutti i Comuni della Regione, che sono chiamati a collaborare.”

    Read more...
  • Defendit numerus. I numeri del Presidente

    Enrico Rossi"Agli adulti piacciono i numeri. Quando raccontate loro di un nuovo amico, non vi chiedono mai le cose importanti. Non vi dicono: «Com'è il suono della sua voce? Quali sono i suoi giochi preferiti? Fa collezione di farfalle?» Le loro domande sono: «Quanti anni ha? Quanti fratelli? Quanto pesa? Quanto guadagna suo padre?» Solo allora pensano di conoscerlo." (Antoine de Saint-Exupéry, Il piccolo principe, cap. IV).

    Read more...
  • Il Sindaco di tutti?

    Francesco CasiniVince Francesco Casini. Anzi stravince, perché la sua vittoria arriva quando tutti perdono: PD in calo, Cittadinanza Attiva e Lega non “sfondano”. La chiave sta nella sua lista personale che, seppur neonata, raccoglie il 14,64% dei voti. Ma da dove arrivano tanti voti?

    Read more...

Facebook