Uomini illustri

marascoMichele Turchi ricorda Marasco, appassionato di canto popolare, alla ricerca di quella cultura orale sommersa che la fine della civiltà contadina si è portata via, insieme agli ultimi vecchi.

BianchiFotografie di pregevole qualità formale, ma soprattutto documenti e testimonianze uniche sulla valle dell’Arno e la sua cultura contadina tra la fine dell’Ottocento e i primi anni del Novecento. Questa l’eredità che ci ha lasciato Alfredo Bianchi, fotografo “dilettante”.

Betty WoodmanAl Museo Marino Marini una mostra personale dell’artista americana Betty Woodman, sessanta anni di carriera passati tra New York e l’Antella.

Bianca CappelloAmori, intrighi, vita di corte... È in onore della granduchessa di Toscana che, a Bagno a Ripoli, la seconda domenica di settembre si disputa ogni anno la Giostra della Stella, giunta all’edizione numero 38.

Villamagna«A Villamagna c’è tre meraviglie: una vasca in cima a un poggio, un olivo che fa un baril d’olio e un santo in mezzo a un branco di villan fottuti», diceva un detto ben noto in tutto il circondario quando la cultura contadina era ancora ben viva e presente.

GranacciUn pittore, un abate e un pievano. Prosegue così il racconto di Michele Turchi sui cittadini illustri legati a Villamagna, tra affreschi della Vergine, eruzioni di vulcani e pensieri sopra l'agricoltura (e il vino).

my italian secretPresentato al Festival Internazionale del Film di Roma un documentario sulla storia di Gino Bartali e di altri italiani che come lui agivano segretamente per aiutare gli ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale.

gino bartali st-raphaelCuriosi intrecci tra sponsor, bevande più o meno salutari e grandi ciclisti. Una breve storia per festeggiare il centenario della nascita di Gino Bartali.

NiccheriAnche un poeta popolare, di quelli che alle fiere incantavano la gente con ottave spiritose e divertenti, può scrivere la Storia, quella con la "S" maiuscola. Marchiando con un'impronta indelebile, un toponimo, un borgo di paese.

NiccheriFra i tanti poeti popolari che si sono espressi in ottava rima, resta insuperata la fama di Giuseppe Moroni detto “il Niccheri” (1810-1880). C’entra qualcosa questo Niccheri con la “nostra” borgata del Ponte a Niccheri?

Otello Boccaccini«Otello Boccaccini è il narciso dei cantanti dell’E.I.A.R. È così convinto di essere bello, e lo è, da specchiarsi nel lucido microfono anche quando trasmette...»* 

guerraIn occasione del centenario della Prima guerra mondiale, Michele Turchi ricorda la storia di Giuseppe Manetti, contadino di Villamagna, che dal fronte scrive un diario sulla maledetta guerra: "Non è questione di morire..."

ScuolaLa "Repubblica di Bagno a Ripoli”... così il Provveditore agli studi appellava il nostro Comune, per descrivere l’indipendenza e la libertà d’azione di cui godeva allora Marcello Trentanove, Direttore didattico dal 1962 al 1990. Vasco Tacconi ripercorre il contributo apportato all'evoluzione dell'attività educativa nel Comune di Bagno a Ripoli.

leggi razzialiOttant’anni fa l’Italia fascista varava le leggi razziali, uno dei capitoli più dolorosi della nostra storia. L’antisemitismo diventava discriminazione, esclusione dalla vita pubblica, deportazioni.
Le leggi del 1938 avevano trovato fondamento scientifico nel “Manifesto della razza”, redatto da 10 studiosi fascisti, tra cui un antropologo ripolese.

Leonardo Da Vinci in voloL'Arno, il piano e le colline di Ripoli come apparivano cinque secoli fa, attraverso i disegni che ci ha lasciato Leonardo da Vinci.

Leonardo 2 300Ancora Leonardo Da Vinci in volo sui colli ripolesi. Questa volta sopra Rusciano, il Paradiso e il Pian di Ripoli.

Luigi Torrigiani 800Durante la sua lunga permanenza a Bagno a Ripoli come segretario comunale, Luigi Torrigiani conobbe molto bene il territorio, la gente e le attività che ogni giorno vi si svolgevano. Intraprese così una colossale opera di descrizione del comune “nei suoi tre aspetti civile, religioso e topografico”.

Nello ciaccheri intro"Ancor prima di Gino Bartali, un altro campione ripolese riuscì a distinguersi, con buoni risultati, nel mondo del ciclismo professionistico." Dal IV volume di "Storie di un paese" di Michele Turchi pubblichiamo un estratto dal capitolo «La Resistente e il ciclismo “eroico” ripolese».

Niccolò di GiovanniUna conversazione tra Antonio Massi e Michele Turchi per indagare i rapporti tra il territorio ripolese e Niccolò di Giovanni Fiorentino, indiscusso protagonista della scultura e dell'architettura adriatica, ancora in attesa di un riconoscimento adeguato alla sua statura, su cui hanno pesato a lungo le incertezze documentarie.

piazza berlinguerLa seconda parte dello "stradario di Bagno a Ripoli"... Da Abebe Bikila ad Adone Zoli, passando per Spinello Aretino, Anna Kulishoff e Umberto I di Savoia... Tanti i protagonisti delle storie d'Italia che danno nome a vie e piazze di Bagno a Ripoli.