Linguistica

Dante a Quarate intro

Michele Turchi racconta la storia di un singolare volumetto, scritto nella seconda metà dell'Ottocento da Raffaello Caverni, parroco di Quarate, che si sorprese non poco di riscontrare nel modo di parlare dei suoi parrocchiani contadini molte espressioni che si ritrovano nei versi della Divina Commedia.