Campigliano

ponte a ema 1944«...erano le quattro del mattino, si respirava un'aria nuova, si sapeva che quello delle demolizioni delle vie di comunicazione era compito delle retroguardie e che era il segno inconfondibile che un esercito stava abbandonando quelle posizioni e presto ne sarebbe arrivato un altro».