BATH ON THE RIVER – Storie e Politiche dal territorio di Bagno a Ripoli

Toggle Bar

Il triangolo delle Gualchiere. Un nuovo libro sulla valle dell’Arno

La chiesa di San Michele a Compiobbi si trovava un tempo in riva destra d'Arno? Come era fatto l’antico ponte “de’ fiesolani”, che in epoca romana univa Candeli e Girone? Chi erano i Compiobbesi, originari del castello di Montauto, nei pressi delle Case di San Romolo? E come sarebbe la valle dell'Arno se nel 1558 si fosse realizzata una diga a Vallina per preservare Firenze dalle alluvioni?

triangolo delle gualchiere

Berlinghiero Buonarroti, mente fertile e poliedrica, dopo un lungo percorso artistico affatto convenzionale sulle vie della satira, dello humor, della teorizzazione del Sapere Anomalo, ha sentito il bisogno di dedicare un omaggio alla natìa Compiobbi, promuovendo fin dal 1995 un ampio data-base di immagini e documenti, con il suggestivo nome di “Archivio del tempo che passa Compihobby”. Dopo numerose pubblicazioni di varia natura – calendari, opuscoli, perfino un giornale murale a cadenza settimanale – ha dato alle stampe un corposo volume, summa di tutte le sue più che decennali ricerche.

Il Triangolo delle gualchiere, questo il titolo, prende nome dalla forma geometrica del territorio campione, che ha per base la valle dell’Arno del Comune di Fiesole, dalle Falle al Girone, e per altezza la valle del torrente Sambre, con vertice a San Clemente. Il riferimento alle gualchiere deriva invece dalla presenza in quest’area (e nelle immediate vicinanze) di ben sei di questi impianti proto-industriali per la lavorazione di panni di lana, attivi fin dal Medioevo.

Ma una valle, si sa, è costituita da due rive, e sovente gli argomenti affrontati dall’autore sconfinano sulla sponda ripolese, così come L’Arno in Pian di Ripoli di Silvano Guerrini (1990) si era inevitabilmente interessato anche della riva destra.

Le due Compiobbi dirimpettaie hanno una storia comune fin dagli albori della storia, nell’Età del Bronzo, a far fede dai ritrovamenti di selci lavorate di qua e di là del fiume, forse a segnare la presenza di un guado. Ma non solo.

triangolo delle gualchiere cover 300Buonarroti dà un senso a una leggenda popolare, secondo la quale la chiesa di San Michele a Compiobbi si trovava un tempo in riva destra; in realtà il fiume, secondo le tracce rilevate “sul campo”, si divideva in due bracci formando un bisarno, e la chiesetta venne probabilmente eretta su uno scoglio roccioso in mezzo al fiume.

Localizza le cosiddette gualchiere dei Compiobbesi, all’altezza della pescaia di Ellera, grazie a delle foto d’epoca che ne documentano i resti della gora.

Documenta e ricostruisce graficamente l’antico ponte detto “de’ fiesolani”, che in epoca romana unì le due sponde tra Candeli e il Girone. Ma non dimentica il ponte sospeso che Guido Bartoloni, a partire dal 1947 si mette in testa di realizzare, e porterà a compimento praticamente da solo, con due anni di duro lavoro.

Ci parla della famiglia dei Compiobbesi, originaria del castello di Montauto, nei pressi delle Case di San Romolo, inurbata con torre nei pressi di Orsanmichele fin dal XII secolo, che ebbe beni e patronati di varie chiese sulle due sponde dell’Arno.

Ci parla del progetto di Girolamo di Pace che, nel 1558, proponeva di costruire una diga all’altezza di Vallina per preservare Firenze da future alluvioni.

Molte altre cose accomunavano le due sponde del fiume, dai passi di nave alla devozione per il beato Gherardo, fino alle tradizioni popolari di un mondo contadino che non c’è più.

Un volume imponente, ben 480 pagine, quasi 1000 immagini, 50 capitoli, con una ricerca storica meticolosa, allargata a fonti poco frequentate, quali gli archivi parrocchiali, la stampa d’epoca, le interviste agli anziani. Il tutto senza abbandonare la curiosità per le vicende più inconsuete e un sottile sense of humor che rende la lettura gustosa e piacevole. Anche per i cittadini di Bagno a Ripoli.

Michele Turchi

_____
Berlinghiero Buonarroti, Il triangolo delle gualchiere. Itinerari nella valle dell’Arno del Comune di Fiesole, Polistampa, 2013 (ISBN 978-88-596-1314-5), € 25.

Politiche